Monte GRONA 1736m. – Ferrata CENTENARIO CAO > 27 Settembre 2020

27 SETTEMBRE 2020

 

27 SETTEMBRE 2020

Ferrata del CENTENARIO CAO >Monte GRONA 1736m.

L’uscita al M. GRONA viene proposta con due opzioni di percorso: 1° = ascenzione alla cima M.Grona per via FERRATA – 2°= ascensione per via normale

Il monte Grona (1732 m s.l.m.), con i suoi ripidi versanti rocciosi, domina su Menaggio e sul Centro Lago. Dalla sua vetta si gode una delle viste più spettacolari dell’arco Prealpino, che spazia a 360° dalle Grigne ai Laghi di Como, di Piano e di Lugano, si spinge a Nord abbracciando le Alpi, per poi passare all’imponente mole del Monte Legnone e alla Valsassina.                                                  PERCORSO STRADALE (indicativo)  Da Menaggio-Co si segue la statale della Val Solda (Porlezza-Lugano) per circa 1km; al primo bivio si volge a destra seguendo le indicazioni per Plesio e Loveno. Da qui si prosegue fino alla frazione di Breglia. A sinistra, oltre il cimitero, su carrareccia, proseguire in salita tra ripidi tornanti (direzione Rifugio Menaggio) giungendo poco oltre al termine del tratto asfaltato, ove è possibile parcheggiare sul ciglio della strada; si può anche proseguire in auto per ulteriori 2 chilometri circa, evitando il primo tratto di sentiero e parcheggiando più a monte in una piazzola recentemente disboscata.                                                                        NB: Dal 2017 la strada da Breglia al parcheggio è a pagamento.

AVVICINAMENTO >1° opzione (FERRATA)   > Divertente salita attrezzata con cavo e catena, più una decina di gradini e qualche piolo. Raccomandabile saper arrampicare almeno sul II/III grado.                        Dal parcheggio, si prosegue seguendo le indicazioni per il Rifugio Menaggio, che dopo aver lambito di nuovo la strada presso un tornante continua fra spazi erbosi e rado bosco di betulle. A quota 1120mt, presso una zona di rimboschimento cintata, il percorso si divide. Seguendo una delle due diramazioni, si giunge al rifugio (più consigliabile il percorso alto, quello di destra, che è assai più panoramico). Si sale con parecchi tornanti finché ha inizio un lunghissimo tratto a mezza costa che, dopo aver traversato la Val Pessina, raggiunge il panoramico dosso erboso dove sorge il rifugio Menaggio 1383m. (già visibile da lontano)

Dal rifugio 1383m- si prende il sentiero (cartelli indicatori) che in piano punta verso Sud-ovest raggiungendo la base dei denti di Grona, la serie di torrioni calcarei che formano lo sperone Sud-est del monte.

Traversato lo sbocco del canalone detritico percorso dal sentiero della “Direttissima” si raggiunge la base dello sperone dove, presso una pianta, si trova la partenza della ferrata (targa indicatrice).

La via supera alcuni torrioni alternando pezzi verticali a brevi tratti di sentiero.

Le difficoltà rimangono abbastanza costanti lungo tutto il percorso; sono presenti due vie di fuga segnalate, una circa a metà e una a 3/4 del percorso.

Per la discesa dalla cima al rifugio esistono 2 possibilità:

A) seguire il sentiero della “direttissima”, (ripido canale erboso con qualche semplice roccetta ma esposto).parallelo alla cresta della ferrata

B) leggermente più lungo ma molto panoramico, lungo la “via normale” che percorre la cresta in direzione del Bregagno fino alla “Forcoletta” per poi scendere a destra verso il rifugio.

DIFFICOLTA’: EE-A

DISLIVELLO: Dislivello in Ferrata: 386 // Dislivello TOTALE740m.

TEMPISTICA: salita: 4,30 h Punto d’appoggio: Rif. Menaggio 1383m.

ATTREZZATURA: Set completo da ferrata

ABBIGLIAMENTO: Adeguato alla gita e stagione

RITROVO/Partenza: da stabilire

ISCRIZIONI: Presso la sede G.E.S.A.-C.A.I. in Via E.KANT n.8 -20151- Milano il Giovedì sera dalle ore 21,00 alle ore 23,00

SMS: 339.4898386 Umberto # 338.2920938 Chiara # 339.1296657 Guido

e.mail: infogesacai@gmail.com

QUOTE: Soci G.E.S.A.-C.A.I. €.3,00 # Soci C.A.I. €.4,00

Non Soci C.A.I. non saranno accettate iscrizioni per i NON SOCI C.A.I. dato l’impegno fisico e tecnico alpinistico

AVVICINAMENTO >2° opzione (VIA NORMALE)                                                                                      Stesso percorso fino al Rif. Menaggio. (vedi descrizione salita fino al Rifugio – 1° opzione)   

Rifugio Menaggio – Vetta (EE)
A pochi metri dal Rifugio Menaggio, all’inizio di un sentiero in salita, un primo gruppo di segnavia indica tra le varie direzioni anche l’Alta Via del Lario. Proseguire sul sentiero fino al secondo gruppo si segnavia e qui seguire le indicazioni per “Sant´Amate” (40 minuti) e la via normale del Monte Grona. Seguire il sentiero e giungere ad un terzo gruppo di segnavia. Qui prendere la deviazione a sinistra verso la località “Forcoletta” (la deviazione in realtà è posta pochi metri oltre il segnavia). Comincia una sempre più ripida salita verso la vetta che in poco tempo conduce alla località denominata “Forcoletta” (q. 1611 m).

Fino a qui il sentiero, seppur ripido e leggermente esposto, non presenta particolari difficoltà se non brevi passaggi su roccette (non eccessivamente ripide) che richiedono comunque l’utilizzo delle mani per un migliore equilibrio. Dalla località “Forcoletta” piegare a sinistra e, sempre seguendo la traccia di sentiero e le sempre evidenti bandierine sulla roccia, proseguire verso la vetta (30 minuti, vedi segnavia).

Qui il sentiero si fa a tratti più ripido, molto stretto e decisamente esposto con presenza di brevi ma ripidi passaggi su roccia. Molto utile l’utilizzo delle mani per un migliore equilibrio. In breve tempo si giunge alla cima.

Discesa: Come per la salita. In alternativa scendere dalla “direttissima” (ripido canale erboso con qualche semplice roccetta ma esposto).

DIFFICOLTA’: EE

DISLIVELLO: 740m.

TEMPISTICA salita: 2,30/3,00 h

Punto d’appoggio: Rif. Menaggio 1383m.

ABBIGLIAMENTO: Adeguato alla gita e stagione

RITROVO/Partenza: da stabilire

QUOTE: Soci G.E.S.A.-C.A.I. €.3,00 # Soci C.A.I. €.4,00 # Non Soci C.A.I. €.5,00 + €.9,00*

*(Assicurazione Infortunistica+Soccorso alpino)

La gita si effettuerà con auto proprie; ciascun passeggero dividerà le spese A/R con il proprio autista

Il G.E.S.A.-C.A.I DECLINA OGNI RESPONSABILITA’ PER IL CASO DI INCIDENTI AI PARTECIPANTI

 

 

No comments yet.

Lascia un commento