22 Novembre 2020 > Giro dei Laghi VALGOGLIO

22 NOVEMBRE 2020

GIRO dei LAGHI VALGOGLIO

Questo splendido giro ad anello è adatto a tutti ed è sicuramente di enorme soddisfazione. L’intero percorso raggiunge i 13 chilometri e supera di poco i 1000 metri di dislivello, con una durata che può superare le cinque ore.

ACCESSO: Per questa escursione dobbiamo dirigerci in Val , nel bel paesino di Valgoglio, dove bisogna provvedere alll’acquisto del gratta-e-sosta presso uno degli esercizi del paese (indispensabile per il parcheggio). Risalendo la ripida stradina raggiungiamo il Ristoro 5 laghi, dove possiamo posteggiare l’auto nei parcheggi liberi presenti.

ITINERARIO (sintetico): Il sentiero è marchiato dai segnavia CAI e risale nel bosco, seguendo una conduttura d’acqua forzata e costeggiando delle baite. Dopo circa mezz’ora di cammino tra i   pini il sentiero si addolcisce e, superata una fontanella, si arriva a un cartello con le indicazioni sentieristiche.    Le seguiamo, risalendo la bastionata rocciosa che con maggiore pendenza ci porterà alla conca ospitante le costruzioni dei guardiani delle dighe.

Lago Succotto: Possiamo già ammirare la parete della diga del Lago Succotto (m.1854) che raggiungiamo brevemente seguendo il comodo sentiero. Lo spettacolo offerto da questo specchio d’acqua è visibile solo negli ultimi metri e raggiungendo la sommità della diga possiamo ammirarlo in tutta la sua bellezza.
Lago Cernello: Proseguiamo su facile sentiero ora marchiato CAI 229, che in comodo saliscendi ci condurrà al Lago Cernello e al suo omonimo rifugio (m.1958). Il bacino si estende per circa 26mila metri quadrati ed è alimentato dalle acque di fusione e da piccole falde minori. Una pausa al rifugio è quasi d’obbligo, anche solo per gustare il panorama che spazia sulla Val d’Agnone e sui soprastanti monti Reseda e Madonnino.

Laghi Campelli: Attraversiamo la diga del lago Cernello, inerpicandoci lungo una serie di scalini scavati nelle roccia, sino alla conca che ospita i Laghi Campelli Basso (m.2020) ed Alto (m.2050). Il secondo di origine artificiale, il primo invece naturale e senza dighe. L’ambiente che ospita questi due laghetti inizia ed essere più severo e la posizione poco assolata permette a questi due specchi d’acqua di restare congelati fino a maggio inoltrato. Siamo sotto la parete meridionale del monte Cabianca, che con i suoi 2601 metri sovrasta sulla zona.

Lago d’Aviasco: Il sentiero continua e superando un flebile ruscello raggiungiamo una piccola conca, (dove spunta una porzione del Lago Nero, che visiteremo al ritorno) risaliamo una ripida pietraia e raggiungiamo la diga del Lago d’Aviasco (m.2061). A fare da sfondo questa volta è l’arcigno Pizzo Pradella. Le acque si estendono per più di 70mila metri quadrati e qui si trova la diga più vecchia dell’intero comprensorio.
Lago Nero: Si proeguire in falsopiano seguendo le indicazioni del segnavia CAI 268, fino a raggiungere lago e il più grande: il Lago Nero (m.2023), dove nei sui riflessi scuri, rispecchiano le immagini delle montagne circostanti.  Poco distante, proseguendo sul sentiero, troviamo la Capanna Lago Nero, (gestita dalla sottosezione CAI di Ardesio dell’Alta Val Seriana) posta sulle rive del Lago Canali (m.1997).

Il Lago Resentino e lo Stagno Molta: Una piccola deviazione ci permetterà di osservare gli ultimi due laghi, o per lo più quello che ne resta.  Il Lago Resentino (m.1790) e poco distante il grazioso Stagno Molta (m.1749), ormai poco visibile per la scarsità d’acqua di quest’ultimo inverno.  Il restante tragitto (discesa) è comune al percorso di salita.

DIFFICOLTA’: E (f+)

DISLIVELLO: 1000m.+/-

TEMPISTICA TOTALE GIRO5,00/6,00h. +/-

ABBIGLIAMENTO: Adeguato alla gita e stagione

RITOVO/Partenza: da stabilire

QUOTE:

Soci G.E.S.A.-C.A.I. €.3,00  

Soci C.A.I. €.4,00  

Non Soci C.A.I. €.5,00 + €.9,00*(Assicurazione Infortunistica+Soccorso alpino)

La gita si effettuerà con auto proprie; ciascun passeggero dividerà le spese A/R con il proprio autista

Il G.E.S.A.-C.A.I DECLINA OGNI RESPONSABILITA’ PER IL CASO DI INCIDENTI AI PARTECIPANTI

No comments yet.

Lascia un commento